Btp Valore 2024: quali sono i rischi

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef) ha annunciato l’emissione di un nuovo titolo di Stato denominato “BTP Valore”. Anche questo BTP si può comprare facilmente alle Poste italiane anche online oltre che in banca. Vediamo con i nostri esperti tutte le caratteristiche del BTP Valore 2024 e quali sono i rischi della sua sottoscrizione.

Cos’è il nuovo BTP Valore

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze avvierà lunedì 26 febbraio il collocamento del un nuovo Buono del Tesoro Pluriennale denominato BTP Valore. Questa nuova famiglia di titoli di Stato dedicata ai piccoli risparmiatori si potrà comprare facilmente alle Poste italiane anche online oltre che in banca sino al 1 marzo. Ma quali sono i rischi del BTP Valore? E’ veramente un titolo per tutti?

Btp Valore 2024
Btp Valore 2024

Come funziona il nuovo BTP Valore

Questo nuovo BTP della nuova serie “Valore”, il terzo, avrà una durata pari a 6 anni leggermente più alta dei primi ed un premio fedeltà dello 0,7% per i risparmiatori che lo deterranno fino alla scadenza. Le cedole saranno trimestrali e saranno calcolate in base a dei tassi prefissati crescenti nel tempo (meccanismo step-up) 3,25% per i primi tre anni, 4% per i successivi. I tassi di interesse crescenti previsti sono molto interessanti ed il BTP Valore si conferma una buona scelta per il proprio portafoglio.

Il titolo avrà ovviamente la garanzia dello Stato italiano fino alla scadenza sull’importo del capitale sottoscritto. Il codice ISIN del titolo durante il periodo di collocamento è IT0005583478.

I rischi del BTP Valore 2024

Il BTP Valore e differenza del BTP Italia non è un titolo indicizzato all’inflazione, per questo, uno dei rischi principali è dato dalla volatilità: se i tassi di interesse salgono, il prezzo dei Btp precedentemente emessi cala; se i tassi di interesse scendono, il prezzo dei Btp precedentemente emessi sale. Quindi se dovessero salire ancora i tassi di interesse la quotazione del BTP Valore 2024 potrebbe scendere sotto la parità. In questo scenario in caso di rimborso anticipato il risparmiatore potrebbe perdere parte del capitale.

Si può andare quindi incontro a discese dei prezzi molto più marcate in questo scenario con il BTP Valore 2024. Nessun problema in caso di rimborso a scadenza. In questo caso verrà sempre restituito l’intero capitale.

Un altro rischio fondamentale del BTP Valore è legato al paese emittente: l’Italia ha un suo potenziale default o un rischio ristrutturazione del suo debito da tenere presenti. In questo malaugurato casi il Tesoro sarebbe inadempiente nel pagamento delle cedole o nel rimborso del capitale come già successo ad esempio in Argentina. Ovviamente è un’ipotesi che speriamo non si avveri mai, ma il rischio c’è e va ponderato. Comunque in caso di problemi di rimborso ai titoli di Stato italiani ci troveremmo davanti ad uno scenario inedito devastante che avrebbe un impatto su tutta la nostra vita ordinaria e non solo sul valore del nostro portafoglio titoli.

Per tutelarsi da questo rischio, che non è solo del BTP Valore 2024 ma di tutti i titoli di Stato italiani, è opportuno diversificare il proprio portafoglio inserendo titoli di Stato di altri Paesi ad esempio europei. Sono possibili anche altre strategie di mitigazione del rischio ma non è questo lo spazio adatto per discuterne.

Come sottoscrivere il nuovo BTP Valore 2024

Sono state semplificate le modalità di sottoscrizione rispetto alle tradizionali aste. Il BTP Valore potrà essere infatti acquistato senza commissioni, a partire da un minimo investimento di 1.000 euro, rivolgendosi all’ufficio postale o in una banca presso cui si possiede un conto corrente ed un conto di deposito titoli. E’ possibile sottoscrivere il BTP Valore 2024 anche con il proprio home banking, se abilitato alle funzioni di trading online.

Il collocamento avrà luogo sulla piattaforma MOT il mercato telematico delle obbligazioni e titoli di Stato di Borsa Italiana. Ricordate che il taglio minimo è di 1.000 euro come abbiamo già detto.

La tassazione del nuovo BTP Valore

Anche per il BTP Valore si applica sul rendimento la tassazione agevolata per i titoli di Stato e dei buoni fruttiferi postali BFP pari al 12,5% sugli interessi (cedole e premio fedeltà) e l’esenzione dalle imposte di successione. Inoltre ci sarà anche l’esclusione dal calcolo ISEE 2024, al completamento dell’iter di attuazione della misura prevista dal Governo.

La possibilità di venderlo prima della scadenza

Come sempre sarà possibile per i sottoscrittori cedere interamente o in parte il titolo prima della scadenza al prezzo di mercato determinato sul MOT. Questo a differenza dei buoni fruttiferi postali BFP che possono essere ceduti solo in Poste italiane spa ed al prezzo di emissione.

Btp Valore 2024

I tassi di interesse del BTP Valore

I tassi di interesse minimi del nuovo BTP comunicati ad oggi sono:

  • 3,25% per il primo, secondo, terzo anno
  • 4% per quarto, quinto e sesto anno

Al termine del collocamento saranno comunicati i tassi cedolari definitivi che potranno però essere solo superiori o uguali a questi già annunciati. Il pagamento degli interessi sarà trimestrale. Il pagamento degli interessi ogni tre mesi è un’altra importante novità di questo Btp Valore 2024, è la prima volta che accade per i titoli di Stato italiani.

La scheda informativa del MEF

A questo link trovate il comunicato del BTP Valore pubblicata dal MEF.

Conclusioni sul Btp Valore 2024

Questo nuovo BTP Valore è un prodotto interessante per tutti sia per la durata di 6 anni sia per il premio fedeltà aggiuntivo dello 0,7%. Cedole garantite e incassi certi fino a fine periodo danno certamente sicurezza al risparmiatore. La garanzia dello Stato poi e la tassazione agevolata come gli altri BTP e BFP lo rendono ancor di più un prodotto adatto al portafoglio di tutti i piccoli risparmiatori.

I rischi complessivi del BTP Valore sono comunque molto minori di molti altri titoli e comunque l’orizzonte medio a 6 anni mitiga in parte il rischio. Comunque diversificare il proprio portafoglio resta sempre una strategia vincente e mettere questo Btp Valore 2024 magari accanto ad azioni o ETF può essere una buona strategia di bilanciamento.

I tassi di interesse ci danno conferma della sua convenienza. Anche se dovessero essere mantenuti senza aumento alla fine del collocamento sono comunque leggermente superiori a quelli di mercato. Le cedole trimestrali sono molto comode per avere una rendita periodica sicura ed eventualmente per reinvestire le somme ai tassi aggiornati del periodo. Ricordate che potrebbe non essere conveniente rivendere il titolo prima della scadenza, il prezzo potrebbe essere più basso dell’attuale. Se lo manterrete per tutti i 4 anni oltre al valore nominale avrete anche il premio fedeltà aggiuntivo dello 0,7%.

Se siete interessati potete sottoscriverlo facilmente in banca o in Poste italiane (a seconda di dove avete il conto corrente ed il conto deposito titoli), anche online, senza dover pagare commissioni bancarie. Questo è un altro punto di forza dell’acquisto del Btp Valore 2024 al momento del collocamento da parte degli investitori retail.

Se non siete ancora convinti di avere tutte le informazioni che vi servono potete anche scrivere all’indirizzo di posta elettronica messo a disposizione del ministero all’indirizzo [email protected].

Forse potrebbe interessarvi questo nostro articolo su quali sono nuovi tassi dei buoni postali.